17 febbraio 2009

Apt Pupil - L'Allievo (1998) di Bryan Singer

"Se non credete nell'esistenza del male, avete molto da imparare!"

Apt Pupil
, è un thriller/horror diretto dal regista Bryan Singer, tratto dalla novella Un ragazzo sveglio di Stephen "il Re dell'horror" King, inserita nella famosa raccolta Stagioni Diverse; anche se i finali della due opere, cinematografica e letteraria, differiscono in modo evidente.
Tutto ha inizio con il ricatto che il giovane Todd Bowden perpetra ai danni dell'anziano Arthur Denker, un suo vicino di casa, di cui, a seguito di una lunga fase di ricerche e di raccolta di informazione, scopre una crudele verità riguardo il suo passato.
Quella di Arthur Denker, è in realtà la falsa identità di Kurt Dussander, un ex criminale nazista, che, durante la Seconda Guerra Mondiale, svolgeva le sue funzioni in alcuni dei più importanti campi di concentramento nazisti e che, successivamente, si è esiliato in America per sfuggire le conseguenze legali a cui il governo americano e israeliano lo avrebbero costretto.
Todd, presentatosi a casa del vecchio, dopo aver ammesso di essere particolarmente affascinato dalla cultura nazista, inizia a ricattarlo, obbligandolo a raccontare le sue esperienze durante la guerra e nei campi di prigionia; tutte quelle cose che, come dice Todd, "le scuole hanno paura di mostrarci..."
Il giovane comincia a soffrire di sonni agitati e di terribili incubi, oltre che di vere e proprie allucinazioni visive a causa delle dettagliate storie raccontate da Arthur. Bellissima è la scena in cui le docce degli spogliatoi della palestra si trasformano davanti ai suoi occhi nelle docce dei campi di sterminio. Quella di Todd, diventa sempre più un' ossessione, ed è così che i due cominciano a frequentarsi e a trascorrere interi pomeriggi insieme.
Il rapporto tra i due diventa sempre più morboso e le loro vite subiscono terribili sconvolgimenti.
Todd, che nel primo semestre era in carica come miglior studente della sua classe, comincia conseguire una lunga serie di voti negativi, non prova più piacere nello stare con la propria ragazza, smette di frequentare gli amici e comincia a sviluppare idee e comportamenti di chiaro stampo nazista.
Lo stesso Arthur, rinvangando il proprio passato, inizia a riprovare quelle sensazioni che un tempo conosceva bene; grazie a Todd comincia ad assaporare ancora una volta quel piacere sadico che la sua funzione durante la guerra gli permetteva di appagare (adesso tenta di bruciare gatti nel forno!).
E' a questo punto che Arthur scopre le sue carte e ribalta la situazione:
Se all'inizio sembrava che il ragazzo avesse il pieno controllo sulla sua vittima, diventa sempre più chiaro come la situazione cominci a sfuggirgli di mano, coinvolgendolo in un gioco più grande di lui e di cui non detta più le regole. E' ormai caduto nella trappola dell'ex soldato, che riesce a manipolare il ragazzo a suo piacere, instaurando con lui un chiaro rapporto maestro-allievo, che condurrà Todd a compiere azioni terribili.

Apt Pupil è un Thriller dall'altissima carica psicologica! La trama è densa e il copione è magistralmente interpretato da un fantastico Ian McKellen (Gandalf per intenderci), nel terribile ruolo di Arthur, e Brad Renfro in quello di Todd.
Un film che è un continuo pugno allo stomaco, carico di forti emozioni e che porta sul grande schermo tematiche ancora molto attuali.
Film bellissimo da seguire con attenzione e che sono certo vi colpirà, come ha fatto con me!

(Mi dispiace ma non sono riuscito a trovare il trailer in italiano, e altri video avrebbero potuto rovinavi alcune delle scene più intense del film...intanto fatevi un idea col trailer inglese!)

1 commento:

Francesco ha detto...

Questo sembra interessante!
Ma quante recensioni scrivi adesso?!? Una alla settimana!
Va a studia' :P
Comunque PseudoLAB ringrazia per la sempre ottima recensione!