22 ottobre 2008

Succession di Scott Westerfield

Un capolavoro della space opera. Anzi, l'unico vero pezzo di autentica letteratura partorito negli ultimi trent'anni in un genere di nicchia che normalmente, a parte poche titaniche eccezioni, non produce altro che prodotti di puro consumo.
Cos'è la Space Opera? E' un genere di fantascienza basato su astronavi e conflitti galattici, i cui protagonisti sono di solito sovrani, eroi, esseri immortali. Cos'è un capolavoro? Un opera che riesce a parlare di esseri umani, delle loro fragilità, della loro bellezza, della loro complessità.
In Succession di Scott Westerfield, tradotto in italiano con il titolo di "Risen!", troviamo un'ambientazione di fantascienza altamente tecnologica e di ampio respiro. L'Impero del Rinato, che riunsice ottanta sistemi solari verso il centro della Galassia, è governato da un'elìte di Morti Onorati, esseri umani resi immortali da un misterioso "simbionte" che impedisce al corpo di morire, ma annulla le emozioni e rende freddi, impassibili e distaccati. La società e l'economia degli ottanta mondi sono soffocati da questa geronotocrazia di conservatori immortali che non ha mai la buona grazia di lasciare il posto alle nuove generazioni. I senatori lealisti e i militari Grigi sanno che in cambio della loro cieca dedizione all'Impero al momento della loro morte saranno "elevati" all'immortalità, mentre i coraggiosi senatori Rosa, come la "senatrice pazza" Nara Oxham, chiedono il ritorno del Vecchio Nemico-la morte- in nome del progresso e per il bene delle future generazioni.
Sullo sfondo di questa complessa situazione politica e sociale, un conflitto intergalattico travolge le vite dei protagonisti. Il grigissimo comandante Laurent Zai deve fronteggiare, con i suoi trecento uomini e la sua piccola fregata spaziale, una pericolossissima invasione da parte delle commando del Culto Rix, soldatesse-cyborg dedite a favorire la nascita e lo sviluppo di Intelligenze Artificiali nelle infostrutture dei pianeti conquistati; ma questa volta il loro obiettivo è carpire il più grande segreto dell'impero, più gelosamente custodito della tecnologia del Simbionte: perchè il Vecchio Nemico, in realtà, non è mai stato sconfitto davvero, e presto sugli ottanta mondi cadranno tutta la morte, il cambiamento e il progresso che i Rosa possano desiderare. Ma il destino di un intero impero e di miliardi di persone ad un certo punto si troverà nelle mani di un solo individuo, e un improbabile amore fra due personaggi politicamente agli antipodi avrà un'influenza radicale su una scelta decisiva.
Il romanzo è stato pubblicato in due volumi da Urania, e non è ancora disponibile in libreria. Si può ordinare come arretrato oppure si può acquistare su Internet. Sappiate che se amate la fantascienza High-tech, il genere Dis-topico e le trame avvincenti di guerra, politica e azione, con una notevole dose di umanità e personaggi profondi, non potrete che amare questo libro.

3 commenti:

Francesco ha detto...

E tu come fai ad averlo letto allora :P ben tornato e grazie del tuo contributo!

Mattia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mattia ha detto...

La serie Urania è da sempre una figata e questa sembra esserne l'ennesima testimonianza!