7 gennaio 2008

Vincent (1982) di Tim Burton


Per tutti gli amanti del visionario Tim Burton una chicca firmata dal regista all'inizio della sua carriera nel 1982, Vincent!
Vincent
è un cortometraggio di 6 minuti ed è stato girato completamente in stop motion, la stessa tecnica che ha reso possibili film come Nightmare Before Christmas (1993) sempre di Tim Burton (capolavoro indiscusso su cui non mi dilungherò ora) e il più recente Galline in fuga (Chicken Run, 2000).
Con la tecnica dello stop motion (o frame by frame) è possibile realizzare un filmato partendo da un soggetto inanimato come un modellino di plastilina che viene spostato e fotografato, spostato e fotografato: 24 foto al secondo e...la magia ha inizio!

Vincent Malloy, il protagonista del corto, è un bambino di sette anni che a differenza del suo aspetto mite e innocente vorrebbe essere come Vincent Price!
Vincent Price è stato un attore e scrittore statunitense del XX secolo, famoso soprattutto per la sua voce tenebrosa e per una lunga sfilza di ruoli in film horror durante gli anni '50.
Per identificarlo subito vi basterà sapere che è sua la voce narrante nel celeberrimo brano Thriller (1982) di Michael Jackson.
Nel videoclip della canzone, diretto da John Landis (lo stesso dei Blues Brothers), lo sguardo diabolico di Jackson è accompagnato proprio dalla risata infernale di Price!

Chi ha adorato Nightmare Before Christmas per la sua atmosfera surreale noterà subito la somiglianza tra le due opere: personaggi dai tratti caricati, atmosfere cupe e macabre, architetture irregolari e impossibili e sopratutto una maniacale cura del dettaglio che arricchisce ogni scena imprimendola indelebilmente nella mente di ognuno.
Tim Burton riuscì a realizzare un suo grande sogno quando lo stesso Vincent Price, idolo della sua infanzia, accettò di recitare la voce narrante del corto, una poesia dello stesso regista.

Il cortometraggio merita di essere visto (ma soprattutto ascoltato) in lingua originale.
Se dovesse sfuggirvi qualche frase sotto trovate il link alla versione italiana.

Nessun commento: